biografia

Mariella Nava nasce a Taranto il 3 febbraio del 1960.

Fin da bambina sente di fare della musica la sua vita.
A sette anni inizia gli studi classici sul pianoforte.
Più tardi decide di affinare la sua conoscenza proseguendo gli studi di composizione.
Intanto già dall'adolescenza ama scrivere a tempo perso, sul suo diario, frasi e versi che poi diventeranno, quasi per gioco, i testi delle sue prime canzoni.

Saranno gli amici a scoprire i primi brani e a spronarla a non lasciarli inediti. Seguendo i loro consigli, Mariella spedisce una canzone dal titolo Questi figli a GIANNI MORANDI che la incide meravigliato per la grande sensibilità contenuta nel testo e nella musica del brano e inizia a parlare di lei come di una ragazza che si farà sicuramente notare nell'ambito della musica leggera italiana.

Questo è il suo primo significativo incontro con il mondo della canzone e da qui inizierà il suo percorso di autrice ed interprete.
Conosce i suoi produttori Antonio Coggio e Roberto Davini, fedeli compagni di viaggio da allora fino ad oggi. Firma nel 1987 il primo contratto discografico, partecipa al Festival di Sanremo di quell'anno con il brano Fai Piano e pubblica il primo album PER PAURA O PER AMORE che suscita subito grande interesse presso la critica per il suo saper trattare temi sociali con grande poesia ed eleganza.

Le viene riconosciuto il premio Miglior opera prima al Club Tenco. Nell' '89 scrive Effetti speciali per ORNELLA VANONI e Come mi vuoi per EDUARDO DE CRESCENZO, cantata più tardi anche dalla grande MINA.

Nel 1990 incide il suo secondo album IL GIORNO E LA NOTTE arrangiato con LUIS BACALOV. In questo album è incluso quel brano intitolato Dentro di me che dopo essere stato censurato riesce a muovere l'interesse di tanti addetti ai lavori tra cui Maurizio Costanzo e RENATO ZERO.

Mariella scrive Spalle al muro (Vecchio) dedicata agli anziani che, grazie alla grandissima interpretazione di Renato Zero, si classifica al secondo posto al Festival di Sanremo del '91, consacrandola tra i più grandi autori.
Nello stesso anno pubblica il suo terzo album CRESCENDO inciso a Londra con il grande arrangiatore GEOFF WESTLEY e la Royal Philarmonic Orchestra.
Intanto continua a scrivere per MIETTA (Il gioco delle parti, Ti sto cercando), per AMII STEWART (Warm embrace), per IRENE FARGO (Facile, Inverno).

Nascono altri due album: MENDICANTE E ALTRE STORIE del '92 e SCRIVO del '94.
Sempre del '94 è la sua partecipazione al Festival di Sanremo con il brano etnico Terra mia dedicata al suo SUD con cui le viene consegnato il Premio VOLARE dalle stesse mani del grande Domenico Modugno.

E ancora scrive per RENATO ZERO (Un altro pianeta), LOREDANA BERTE' (L'esodo). Nel 1995 pubblica una raccolta che segna la sua momentanea uscita dalle scene intitolata USCIRE.

Nel gennaio '95, agli albori di Internet, conosce questo nuovo tipo di comunicazione e, intuendone l'importanza, sperimenta il primo concerto interattivo in collegamento con tutto il mondo dal Teatro Comunale di Cagliari.

Nel frattempo scrive altre canzoni nuove per artisti come TOSCA (La differenza), SYRIA (Dimenticata, Non posso perderti, Ce l'avevo un amore) e ANDREA BOCELLI. Per quest'ultimo scrive infatti Per amore, brano che fa il giro del mondo ed è riproposto in varie lingue da tanti artisti, continuando a riscuotere ancora oggi grande successo.

Nel 1998 Mariella incontra il promoter Elio Cipri che riesce a dare il giusto rilievo anche alla sua voce e alla sua immagine d'interprete.
E' di questi anni infatti il suo ritorno discografico con gli album DIMMI CHE MI VUOI BENE e COSI' E' LA VITA, titolo della omonima canzone con cui la Nava si classifica al terzo posto del Festival di Sanremo del '99.

Tante sono le collaborazioni artistiche che seguono tra cui quella con MANGO (Il mio punto di vista) e AMEDEO MINGHI con cui scrive Futuro come te per il Festival di Sanremo del 2000.
Pubblica il CD PAZZA DI TE.
Continua la sua fertile attività di autrice scrivendo ancora per GIGI D'ALESSIO (Verrà il tempo) e LUCIO DALLA (Notte americana).

Nel 2002 Mariella partecipa ancora una volta al Festival di Sanremo con la canzone Il cuore mio, brano che riscuote grandi consensi: un sesto posto in classifica e le viene assegnato dalla LILT (associazione per la prevenzione contro il cancro) il Premio PIU' VITA PER LA VITA per i grandi contenuti positivi e di solidarietà che il testo ha saputo esprimere.
Pubblica nello stesso marzo del 2002 l'album QUESTA SONO IO ricco ancora una volta di contenuti sociali e di grande attualità... Lo schiaffo del soldato.

Nel dicembre del 2004 Mariella pubblica un nuovo lavoro molto importante. Un lavoro che segna sicuramente il suo momento di donna e autrice consapevole a metà del suo bel viaggio artistico. Esattamente quello in cui ci si volta un po' a guardare la buona strada percorsa e il tanto che si è fatto per trarre ancora più grinta e certezza delle proprie capacità e proseguire in avanti senza indugi e senza freni. E' questo in fondo ciò che racconta CONDIVISIONI, l'ennesimo suo amato disco. A testimoniare la netta definizione del suo particolare talento, ecco insieme a lei comparire a tratti le voci per cui nel tempo ha scritto e che le hanno dato, con la loro amicizia e stima, modo di essere ascoltata e sottolineata lì dove non c'era nessun agevole passaggio per essere una penna "donna" discreta ed elegante. Il suo incontro con Dionne Warwick apre la serie delle canzoni inedite dello stesso album.
It’s forever, una canzone di pace scritta in inglese e in italiano e cantata a due voci, è stata l’inno ufficiale dei Mondiali di Sci di Bormio nel gennaio-febbraio dell’anno 2005.

Mariella prende parte più volte ai tour di Renato Zero di questi due anni perché l’amicizia e la stima del cantautore romano nei suoi confronti continua fortemente e cresce nel tempo, ed è anche grazie all’etichetta Zerolandia che la sua musica è stata raccolta e pubblicata in CONDIVISIONI.
Durante queste partecipazioni ai concerti, Mariella fa ascoltare Non deludermi, un brano di estrema delicatezza, dedicato a tutti gli sposi e scritto nel giorno delle sue nozze con il marito Massimo Germani.
Ma l’autrice spiegherà che è una promessa di fede fatta e lanciata anche al suo pubblico e ogni volta infatti, volerà un bouquet… consigliatole da Renato stesso verso il pubblico che la applaude.

Nel marzo 2005 Mariella partecipa al reality Music Farm. Distante certamente dal suo stile così discreto, riservato, quasi stridente con le sue scelte precedenti, ma proprio questa frizione col suo essere la induce a misurarsi, mettersi alla prova. Consapevole della forza comunicativa di quel format, cerca di usarlo intelligentemente per farsi conoscere solo “musicalmente” anche a chi ancora non sapesse molto di lei, non cedendo a nessun tipo di “ammiccamento” da reality e, forse proprio per questo esame ennesimo, ci sorprende e riesce a passare anche da quel contesto con una eleganza ed una distanza di sicurezza esemplari, in linea con la Nava da sempre conosciuta.
Qualsiasi personaggio avesse conosciuto quel tipo di popolarità alla sua uscita da quel programma, ne avrebbe approfittato, rendendosi visibile o inflazionandosi, ma ancora una volta invece, sovvertendo gli ordini delle cose, Mariella riprende le sue distanze, lavorando dietro le quinte e preparando nuove canzoni per sé e per gli altri colleghi e soprattutto mettendo su un concerto portato nei piccoli-medi teatri d’Italia.

A luglio 2006, mentre l’Italia si “sospende” tra Mondiali di calcio ed estati da partire in vacanza, Mariella ci regala insospettabilmente L’ASSAGGIO, un cd singolo nuovo contenente due inediti: Guarda giù e La strada… facendoci presagire tutto il buon… gusto del suo prossimo CD.

A maggio 2007, infatti, pubblica DENTRO UNA ROSA.

Mariella regala nel 2008 la canzone "Stasera torno prima", scaricabile solo dal sito web dell'associazione ANMIL, a sostegno delle famiglie toccate direttamente dagli incidenti sul lavoro.
Ne deriva una campagna sostenuta e voluta fortemente dalla Presidenza della Repubblica con un videoclip molto toccante, con immagini reali di vittime sul lavoro e personaggi interpretati da attori del calibro di Elio Germano e realizzato dal regista attore Libero Di Rienzo.

Tiene concerti in molti teatri su tutto il territorio nazionale per portare direttamente il messaggio in quelle città e regioni dove, con gli associati, si denota l'alto numero  degli incidenti accaduti sul lavoro, per cercare di tenere alto il livello di sensibilizzazione, richiamando anche  l'attenzione degli organi preposti all'educazione al lavoro delle nuove generazioni.

Incontra studenti di scuole professionali e, sempre al fianco di Marinella De Maffutiis, addetta stampa, aiuta ad organizzare, nel marzo del 2010, un concorso di canzoni inedite aperto a tutti i ragazzi, da dedicare al tema degli incidenti sul lavoro incorsi alle donne.
"Note scordate",  questo è il titolo del concorso, a cui invita noti colleghi e addetti ai lavori in qualità di giudici.

Nel 2009 realizza un videoclip con il regista Gabriele Cipollitti, noto realizzatore di scenari nel programma SuperQuark di Piero Angela, sull'anteprima Sorridi sorridi.
Una canzone sul tema della crisi economica che investe gran parte del mondo capitalistico occidentale, così costretto adesso a vivere da 'formica' e tenere a bada le ultime risorse rimaste.
Si avvale della collaborazione del disegnatore di formiche Fabio Vettori che la proietta nel suo mondo con un filmato di disegni animati.

Nel 2010 Mariella incontra, in uno dei suoi viaggi, un suo caro amico dell'età adolescenziale, che ormai ha perso la vista per una forma congenita di retinite  pigmentosa.
Maurizio Montanari di Taranto.
Con lui, nel suo studio privato, aveva registrato i suoi primi brani, quando ancora non sapeva che, il sogno della musica, sarebbe ben presto diventato realtà.
"Mariella", le chiede Maurizio, "solo tu puoi ben raccontare la nostra storia, la nostra speranza, la voglia di vedere ancora...!"
Mariella gli guarda quegli occhi che ricorda accesi, torna a Roma e regala all'Associazione Pugliese per la retinite pigmentosa, di cui Maurizio è responsabile attivista, una nuova  canzone, tutta per quella luce che vorrebbe restituire, perché la ricerca vinca questa battaglia e quegli occhi continuino a mandare impulsi nuovi su retine sanate.
E LUCE FU.
Anche questa canzone resterà dedicata e non incisa sul prossimo lavoro dell'artista, perché abbia un altro corso indipendente di diffusione, utilizzo e aiuto.

Nel giugno 2009 Mariella prende parte al progetto di Laura Pausini "Amiche per l'Abruzzo", partecipando all'evento live di SanSiro prima e del DVD derivato un anno dopo, con grande successo di vendita.
Scrive anche per l'album "Presente” di Renato Zero, "Spera o spara", un'ironica canzone sul malcostume politico, sulle sue "controindicazioni"

Intanto fervono i preparativi per il 150* anno dell'Unità d'Italia.
Mariella incontra Franco Migliacci.
Gli consegna una musica molto suggestiva e insieme forte.
Gli chiede se sente nel suo ascolto, la stessa sensazione che lei ha provato nello scriverla.
Gli spiega che ha pensato a lui, perché lo ritiene l'autore delle parole del secondo inno italiano, scelto dal mondo: "Volare", "Nel blu dipinto di blu".
Gli chiede di fermare in versi nuovi questo sentimento ritrovato di Nazione, l'orgoglio rinato  di un'Italia ricca di bellezza, che si guarda e si festeggia nel rewind della sua non facile ma importante Storia.
Nasce il Canto:  "Italia è Patria, è Libertà"

Intanto Andrea Faustini a Ti lascio una canzone, si  distingue interpretando, in modo magistrale, la già famosa Per amore, incisa nel fortunato album di Andrea Bocelli "Romanza".
Per Andrea Faustini, Mariella scrive il brano " Per me e per te", inciso in una compilation che raccoglie alcune canzoni tra le migliori non selezionate al festival di Sanremo Social del 2012. Il brano pubblicato sul canale Youtube  riscuote un gran numero di visualizzazioni e consensi.

Mariella realizza ancora due spot al fianco dell'agenzia di pubblicità della Marini Group.
Nell'ottobre 2011 quello per la Nordica Extraflame con un delicato e intenso "tocco di piano" e, nel dicembre dello stesso anno, per la Zucchi Bassetti, con un altro elegantissimo tema composto appositamente per il nuovo spot della nota casa di arredi.

Esce la raccolta di Renato Zero "Puro Spirito", con due  inediti che la aprono e la chiudono, la firma finale è ancora quella di Mariella per la bella "Testimone" in cui si conferma il fortunato connubio del duo D.O.C. dal '91 ad oggi.

Nel febbraio del 2012 Mariella dà a sorpresa un concerto al The Place di Roma, dove canta con amici per festeggiare il suo compleanno.
I suoi fans accorrono da più parti d'Italia per festeggiarla e godono di un delicato remake live di tanti suoi successi di venticinque anni di carriera, con al suo fianco un delicato trio di contrabbasso (Sasà Calabrese), violino (Andrea Di Cesare) e chitarra (Andrea Pistilli), ed il prezioso contributo di Gabriella Compagnone e i suoi disegni di sabbia sul vetro.

È qui che Mariella, sotto una neve che inizia a cadere copiosa imbiancando la Capitale, annuncia l'uscita a breve del suo nuovo album e quindi il suo ritorno discografico.
Un lavoro che ha atteso cinque anni per essere compiuto.
Un lustro.
Non è poco, ma forse il giusto spazio di assenza e attesa per dare nuovi capolavori.
A fine marzo esce, infatti, con il titolo TEMPO MOSSO.
Una panoramica sul tempo inquieto che attraversiamo.
Scorrono forti e incisive le sue pennellate di argomento, di vita e di amore.
Un album elegante e ricco di versi nobili e prelibati passaggi di note, a detta di molti critici che già lo hanno ascoltato.
Un album godibile e pieno di coerenza e coraggio, per una donna che rende alla musica che ama, indubbiamente, giustizia.

E’ stata candidata al Premio Amnesty International 2013 con IN NOME DI OGNI DONNA, brano presente nella raccolta “SANREMO SI, SANREMO NO” con la partecipazione della voce italiana di Robert De Niro. Il disco, prodotto dalla nuova etichetta “Suoni dall’Italia”, è una raccolta con rielaborazioni attuali di tutti i brani presentati al Festival di Sanremo dall’esordio di Mariella a oggi.
Contiene anche gli inediti FISIONOMIA e IL VIAGGIO.

"SANREMO SI, SANREMO NO - Limited Edition" è la ristampa in doppio CD, ampliata ed arricchita, in edizione limitata con tiratura a sole 1000 copie in uscita il 18 marzo 2014 per Suoni dall’Italia.
A chiudere la raccolta due inediti, i brani candidati all’edizione di Sanremo 2014: "UN MINUTO DI SILENZIO" e "NON CI VUOLE UN GRANCHE’".